Federica Coretto

Federica Coretto

Sono cresciuta a pane e Marilyn Manson, il mio più vivido ricordo dei tempi dell'asilo. Quando scrivo sono la versione migliore di me stessa: ho il tempo e lo spazio per scegliere le parole giuste e di limare i difetti, finché non sono soddisfatta. Fuori da questo porto sicuro mi piace improvvisare.